lunedì 30 marzo 2009

Marmellata di kiwi solare. The movie.

Ecco il video della marmellata fatta dalla Gallina con i raggi del sole, a "0 km" e con i kiwi del giardino di mio papà.
Colonna sonora del video: HiFi Hustlers scaricati con licenza Creative Commons.
Il tutto per una felice, facile e funky decrescita!


giovedì 26 marzo 2009

I fondi etici nell'anno della "crisi"

Il periodo che stiamo vivendo è unanimemente considerato, per la finanza, la peggior crisi dal 1929. Come in ogni crisi dovremmo riuscire a comprenderne le ragioni per trasformale in un'opportunità. Fortunatamente c'è anche un grande fermento da parte di molti investitori a dare importanza anche alle questioni sociali e ambientali nelle scelte degli investimenti. I fondi socialmente responsabili continuano, infatti, a crescere. E, cosa ancora più incredibile, per la prima volta nella vita da risparmiatore ho un segno positivo davanti all'andamento dei miei investimenti. Sarà la fortuna, sarà che finalmente ho trovato una banca che mi ha lasciato fare quello che volevo io e non quello che voleva lei (come le banche precedenti), sarà quel che sarà ma i fondi di Etica Sgr oltre ad essere buoni (e non cari) stanno rendendo quasi il 5%.

Andamento Fondo Valori Responsabili Monetario



Cosa sono i fondi?
Un fondo comune è uno strumento d'investimento che raccoglie le risorse finanziarie di un insieme di persone. Attraverso l'adesione a un fondo l'investitore affida i propri risparmi a un professionista della finanza, generalmente un team di esperti organizzati in una società di gestione. I risparmi versati dai singoli confluiscono nella cassa comune del fondo e costituiscono patrimonio separato da quello della società che lo gestisce. Saranno i gestori, i cosiddetti asset manager, a ricercare il modo più redditizio per investirlo scegliendo tra azioni, strumenti del reddito fisso, liquidità e diversificando per aree geografiche, settori merceologici, capitalizzazione degli emittenti.
Socialmente responsabili?
Investono esclusivamente in titoli di emittenti (imprese e Stati) selezionati in base a una serie di criteri sociali e ambientali. Io ho investito i miei risparmi nei fondi di Etica Sgr che nasce nel 2000 da un'idea di Banca Popolare Etica con lo scopo di realizzare e promuovere fondi comuni d'investimento e altri prodotti finanziari che rispettano l’ambiente e i diritti umani.

Per esempio, nella valutazione delle imprese in campo azionario, sono escluse dai fondi le imprese che:
- producono armi o parti di armamenti;
- effettuano test sugli animali per la produzione di cosmetici o loro componenti;
- sono coinvolte nel gioco d'azzardo;
- modificano geneticamente animali e vegetali per scopi non medici;
- possiedono o gestiscono centrali nucleari;
- producono pesticidi;
- producono tabacco;
- raccolgono, trasformano, commercializzano legname proveniente da foreste protette;
- commercializzano pellicce;
- non rispettano il Codice Internazionale di marketing dei sostituti del latte materno.
Le imprese che risultano "accettabili" dopo l'applicazione dei criteri di esclusione sono valutate in base a circa 50 indicatori nei seguenti tre ambiti:
- ambientale (qualità della gestione ambientale, produzione o utilizzo di energie da fonti rinnovabili, impatto ambientale dei prodotti e della produzione, ecc..);
- governance (presenza di amministratori indipendenti in Consiglio, trasparenza nella remunerazione dei manager, attenzione ai rischi sociali, ambientali, reputazionali, ecc..);
- sociale (salute e sicurezza sul luogo di lavoro, formazione del personale, rispetto dei diritti dei lavoratori, ecc..).

Per quanto riguarda la valutazione degli stati (per i titoli di stato) sono esclusi dai fondi gli stati che applicano la pena di morte e che sono coinvolti in gravi violazioni delle libertà politiche e dei diritti civili.
Gli stati sono valutati in base ad oltre 40 indicatori nei seguenti ambiti:
- ambientale (raggiungimento degli obiettivi di Kyoto, produzione di energia da fonti rinnovabili, percentuale di aree protette, deforestazione, gestione dei rifiuti, ecc..);
- sociale (disoccupazione, lavoro minorile, spesa pubblica per la sanità e l'istruzione, mortalità infantile, accesso all'acqua e alle cure mediche, Indice di sviluppo umano, livello di disuguaglianza economica);
- governance (rispetto dei diritti politici, livello di legalità, efficacia di governo, applicazione della pena di morte, percezione della corruzione, promozione delle pari opportunità).
Attualmente gli stati che hanno passato l'esame di Etica Sgr e possono entrare nella parte obbligazionaria dei fondi sono 13: Austria, Danimarca, Svezia, Norvegia, Germania, Finlandia, Islanda, Olanda, Francia, Nuova Zelanda, Portogallo, Australia, Slovenia (ops, ma guarda un po'.. manca l'Italia).

Per tenere sotto controllo l'andamento dei fondi di Etica Sgr ho deciso di aggiungere sul blog uno spazio fisso qui a lato con il loro andamento settimanale ("Andamento etico"). Etica Sgr propone 4 tipi di fondi:

Valori Responsabili Monetario
Valori Responsabili Obbligazionario Misto
Valori Responsabili Bilanciato
Valori Responsabili Azionario

Per investire nei fondi di Etica Sgr non è necessario essere correntisti di Banca Etica ed è possibile versare le quote anche con PAC - Piani di Accumulo a partire da 50 euro al mese.

lunedì 23 marzo 2009

Scaricare legalmente musica mp3 sotto licenza creative commons


Ho deciso di accompagnare i miei video superartigianali, girati con una semplicissima macchina fotografica digitale, da musica non coperta da copyright. O meglio con licenza Creative Commons.
Ho trovato una comunità dove gruppi non ancora conosciuti al grande pubblico diffondo le loro opere: Jamendo.
Jamendo è una comunità di musica gratuita, legale e illimitata, pubblicata sotto licenze Creative Crommons.
E' possibile condividere e scaricare tutta la tua musica preferita, legalmente.
Jamendo è la più grande piattaforma web di musica scaricabile gratuitamente e legalmente. Il sito è disponibile in sette lingue, e offre il catalogo più grande di musica Creative Commons della rete. Per gli artisti è un modo semplice ed efficace per pubblicare, condividere e promuovere la propria musica, ma anche per essere retribuiti attraverso la distribuzione di ricavi pubblicitari e diverse partnership commerciali.
Creative Commons offre delle licenze gratuite agli artisti, che proteggono i loro diritti. Semplici a utilizzare e adattate agli standard della rete, queste licenze non esclusive permettono al titolare di diritti di autorizzare il pubblico a certi usi, avendo sempre la possibilità di decidere di usi commerciali e lavori derivati.
Gli autori della "musica libera" scelgono di proteggere i loro diritti utilizzando delle licenze speciali e non esclusivi come quelle di Creative Commons o LAL (License Art Libre). "Musica libera" non vuol dire gratuita o libera di diritti, piuttosto "alcuni diritti riservati". Gli artisti determinano le autorizzazioni d'utilizzo attraverso la licenza scelta.
Jamendo è gratuito e legale grazie alle licenze licences Creatives Commons che permettono lo scaricamento e la diffusione in tutta legalità.

sabato 21 marzo 2009

Fumetti verdi

Maccheariachefa è il titolo di un mostra che apre domenica 22 a Roccabrivio Sforza (San Giuliano Milanese): esposte oltre 130 tavole di fumetti e satira su inquinamento atmosferico, rifiuti, scorie radioattive, detriti organici, raccolta differenziata e tutto quanto riguarda la difesa ambientale del nostro mondo.
Una mostra con i maggiori autori di fumetti e satira italiani che scendono in difesa del nostro pianeta e gridano il loro SOS: prima che lo smog intorno a noi diventi lo smog nel nostro cuore.
La mostra è aperta martedì e mercoledì 9-12.30; giovedì e venerdì 9-18; sabato e domenica 14-18. Il ricavato dei biglietti (5-2 euro) verrà utilizzato per la piantumazione di 7mila querce nel Parco Agricolo Sud Milano. Info: tel. 02.5796831 – 02-98128321.
Nella foto una tavola del grande Milo Manara esposta nella mostra.
Buon equinozio di primavera a tutti!

giovedì 19 marzo 2009

Datemi un pannello (e una telecamera) e vi coibenterò il mondo. L'altra faccia dell'isolamento - The movie.

Attenzione.
Siete avvisati.
Questo video è per veri feticisti della coibentazione ed è adatto solo ad un pubblico a basso potenziale energivoro.

E' solo per chi crede che ISOLAMENTO non sia solitudine, segregazione, emarginazione ma un grande strumento di COIBETAZIONE TERMICA.

E' per chi vede lo SMALTIMENTO del rifiuto come una FASE DI PASSAGGIO e non come la sua fine: il legno di scarto che diventa un pannello coibentante o dei pellet, l'acqua piovana riutilizzata per i nostri giardini, i rifiuti organici degli animali di un'azienda agricola che diventano letame per concimare (quest'ultimo esempio decisamente meno romantico, ma molto efficace).

E' per chi riconosce nella smisurata CRESCITA ECONOMICA un AMMASSAMENTO SENZA FINE DI BENI TERRENI e si accorge che i suoi indicatori ...
..."comprendono anche l'inquinamento dell'aria, la pubblicità delle sigarette e le ambulanze per sgombrare le nostre autostrade dalle carneficine" ... "comprendono programmi televisivi che valorizzano la violenza per vendere prodotti violenti ai nostri bambini, che cresce con la produzione di napalm, missili e testate nucleari, comprende anche la ricerca per migliorare la disseminazione della peste bubbonica, si accresce con gli equipaggiamenti che la polizia usa per le rivolte e non fa che aumentare quando sulle loro ceneri si ricostruiscono i bassifondi popolari"... "mette nel conto le serrature speciali per le nostre porte di casa e le prigioni per coloro che cercano di forzarle".
Insomma, sempre per usare le parole di Robert Kennedy, ci dice tutto eccetto ciò che rende la vita veramente degna di essere vissuta.

Questo video, feticisti della vita vissuta, è per voi.

Joe Lentano

lunedì 16 marzo 2009

Fatto! Il tetto è coibentato. Le foto dell'isolamento della soletta sottotetto con isolante naturale in fibra di legno. Quando l'isolamento è amore!


Dopo tanto averne parlato, ecco finalmente al pubblico ludibrio le immagini del mio tetto isolato (grazie Mario per la collaborazione). Qui sopra i responsabili di cotanta coibetazione. Ecco come gli amici della Primavera 84 hanno proceduto all'isolamento della soletta del sottotetto con isolante naturale in fibra di legno:

1) guaina freno vapore a contatto con la soletta (a separazione tra la soletta nuda e cruda e il primo strato di fibra di legno).
2) il primo strato di fibra di legno "morbida" di 4 cm
3) il secondo strato di fibra di legno "morbida" di 6 cm
4) l'ultimo strato di fibra di legno "rigida" di 2 cm
5) guaina impermeabile e traspirante verde sul lato superiore e sigillatura con nastro.

Il materiale scelto è stato la fibra di legno: viene prodotto partendo da scarti di lavorazione che vengono sminuzzati e pressati, il collante è la lignina, naturalmente presente nel legno.
Lo spessore del materiale, deciso in fase di predisposizione dell'attestato di certificazione energetica, era il minimo necessario per ottenere gli incentivi del 55%.
Questi lavori hanno permesso alla mia casettina di migliorare di ben due classi nella tabella energetica arrivando ad una classe E e passando da un consumo di oltre 183 kWh/m2a a una stima di 133 kWh/m2a. Per chi si diverte coi numeri la trasmittanza originaria del solaio era di 1,981 W/mqK e dopo l'intervento di 0,285 W/mqK.
Fare un lavoro del genere da soli sicuramente è possibile, anche se poi servono le attestazioni per le detrazioni fatte da personale iscritto ad apposito albo. Devo però ammettere che da parte mia avrei dovuto calcolare da 6 mesi ad un anno (con relativi litigi di famiglia per casa incasinata) il tempo per i lavori e non i 3 giorni utilizzati dalla Cooperativa.
Le difficoltà di lavorare in ambienti così angusti come la mia soletta e la precisione delle misure sono ben visibili dalle foto. Difficilmente persone con poca manualità come il sottoscritto sarebbero in grado di avere gli stessi risultati. Angoli e gobbe dove passano tubazioni/impianti da livellare "in negativo" sulla fibra di legno erano all'ordine del giorno. Non si è trattato di un semplice "taglia e posa".
Senza contare la difficoltà, per me, di trovare il materiale.
Mi piace sempre lavorare con la Primavera 84. Ci eravamo già conosciuti con i pannelli solari e fotovoltaici. Squadra che vince, non si cambia! La Primavera 84 è una cooperativa sociale di Varese che
per l'esecuzione del lavoro ha utilizzato personale specializzato a cui sono affiancati ragazzi provenienti da condizioni di disagio/svantaggio i quali, attraverso programmi di inserimento lavorativo come questo, (ri)trovano un ruolo attivo nell’ambito lavorativo e sociale. Yunus, l'inventore del microcredito che vi ho presentato qualche giorno fa, sostiene che
"Un dollaro investito in un’impresa con finalità sociali è assai più efficace di un dollaro dato in beneficenza. Il dollaro dato in beneficenza viene consumato una sola volta, mentre quello investito in un’impresa continua a ripetere senza fine, come ogni altro capitale di impresa, il proprio ciclo produttivo creando benefici per un numero sempre crescente di persone".
Mi piace favorire questo tipo di economia. Forse non sarà consumare meno, ma decisamente consumare meglio.


sabato 14 marzo 2009

La mia cosa giusta


Sono appena ritornato da "Fà la cosa giusta" in compagnia della Lo e di Eva.
Ecco il video della passeggiata tra gli stand (p.s.: grazie a Vegolosa!)

mercoledì 11 marzo 2009

Valvole termostatiche

Non utilizzo molto il riscaldamento a termosifoni. Ho deciso però di installare in 6 caloriferi "strategici", lontani dalla stufa a pellets, delle valvole termostatiche per regolare, solo in quelle stanze e solo quando sono vissute, la giusta temperatura senza uno spreco eccessivo di calore.

Le valvole termostatiche regolano automaticamente l'afflusso di acqua calda in base alla temperatura impostata su una apposita manopola graduata. La valvola si chiude mano a mano che la temperatura ambiente, misurata da un sensore, si avvicina a quella desiderata, consentendo di "deviare"il restante flusso di acqua calda verso gli altri radiatori ancora aperti.

Ora i miei caloriferi non si possono lamentare: l'anno scorso con l'installazione dei pannelli termoriflettenti e quest'anno le valvole termostatiche.

Ho installato queste. Costo? 55 euro ciascuna compresa iva e installazione.

Qualcuno di voi le sta già utilizzando? Come vi trovate?

lunedì 9 marzo 2009

Fa' la cosa giusta

L'anno scorso siam tornati a casa con la Moon Cup, una pianta di stevia e avevo iniziato ad interessarmi a Linux grazie ad un libro acquistato in uno dei tanti stand.

Tutte le novità del consumo critico e degli stili di vita sostenibili ci aspettano a "Fa' la cosa giusta" dal 13 al 15 marzo a Milano.

Mamma che bello lo slogan di quest'anno!

domenica 8 marzo 2009

Banca etica compie 10 anni


Tanti auguri a Banca Etica e alle donne che ci lavorano (e anche a quelle che leggono Consumo Meno :-D slurp)

giovedì 5 marzo 2009

Microcredito macroaiuto

L'occasione dell'incontro del 2 marzo tra Giuseppe Guzzetti (Presidente di Fondazione Cariplo) e Muhammad Yunus (economista del Bangladesh e Nobel per la pace 2006) è ghiotta per parlare di microcredito. Yunus, infatti, è considerato l'inventore del microcredito.

Cos'è il microcredito?
Il microcredito è uno strumento di sviluppo economico che permette l'accesso ai servizi finanziari alle persone in condizioni di povertà ed emarginazione. Nei Paesi in Via di Sviluppo milioni di famiglie vivono con i proventi delle loro piccole imprese agricole e delle cooperative nell'ambito di quella che è stata definita economia informale. La difficoltà di accedere al prestito bancario a causa dell'inadeguatezza o della mancanza di garanzie reali e delle microdimensioni imprenditoriali, ritenute troppo piccole dalle banche tradizionali, non consente a queste attività produttive di avviarsi e svilupparsi libere dall'usura. I programmi di microcredito propongono soluzioni alternative per queste microimprese e in un certo senso sono paragonabili ai prestiti d'onore (Wikipedia)
Per Yunus non serve regalare un pesce, bisogna insegnare a pescare. Il microcredito è cosa ben diversa dai subprime: il prestito, di piccolo importo, è finalizzato allo sviluppo di un’attività produttiva e il tasso di restituzione, secondo la Grameen Bank che potrebbe entro l'anno aprire la sua prima filiale in Italia, è vicino al 98%. In altre parole, solo il 2% di chi contrae il debito, non riesce poi a ripagarlo.

A casa nostra grazie all' investimento nei fondi di Etica Sgr destiamo automaticamente lo 0.10% degli importi versati al microcredito. Sono felice di poter contribuire, anche se con poco, a questo grande progetto!

Ecco il video per chi s' è perso il faccia a faccia tra Guzzetti e Yunus.

lunedì 2 marzo 2009

Tetti coibentati, conti corrente senza interesse, pellets, pannelli termoriflettenti, ecoshoppig e ridotti consumi del gas. Tutto in un mese.

Nei giorni in cui finalmente il mio tetto sta per esser coibentato si chiude il secondo mese di Consumo Meno. Domani inizieranno i lavori e non mancherò di raccontarvi come sono andati. Questo mese vi ho mostrato i nostri consumi di gas, abbiamo verificato come ridurne la bolletta con semplici accorgimenti e, soprattutto, di come sia importante il nostro comportamento critico nella riduzione degli sprechi e dei consumi. Ho già in cantiere di fare la stessa analisi con energia elettrica e acqua.
I video di Consumo Meno, oltre al canale su You Tube, hanno trovato una nuova casa su EcoZoom e You Impact. Abbiamo visto l'utilizzo dei pellets, dei pannelli termoriflettenti, l'arrivo di nuove cucine solari e la modernità del concetto di mutuo aiuto in una banca senza interessi.
Il tutto sperando di ritrovarci, prima o poi, in un grande Pianeta Verde.
Grazie per passare a trovarmi con così tanto - e insperato - interesse.

Foto: thanks to Rogiro