sabato 20 giugno 2009

Co-housing, condomini solidali e Adriano che cerca una stanza.

Si stanno sviluppando in Italia nuove forme di vita in comune. Una guida pratica ci spiega perchè vivere in co-housing, le esperienze di chi ci è riuscito e un panorama delle esperienze europee ed italiane.

Che cos'è il cohousing?
Una particolare forma di vicinato dove coppie e singoli, ognuno nel proprio appartamento, decidono di condividere alcuni spazi e servizi comuni come il mangiare, la gestione dei bambini, la cura del verde, ecc. Le esperienze raccolte in questo libro provengono da Paesi dove il fenomeno è ormai ben radicato e diffuso. Stimolanti e vivide sono infine le testimonianze raccolte nel DVD allegato, girato in diversi cohousing in Belgio, Svezia, Olanda, Gran Bretagna e Germania. Un documentario inedito che fa conoscere le facce e le storie personali di chi da anni e con grande soddisfazione ha scelto il cohousing.
Autore: Matthieu Lietaert
Editore: Editrice AAM Terra Nuova
Pagine: 192


A proposito di condivisione, Adriano mi ha mandato questo SOS. Ricerca una stanza in Lombardia.
Se qualcuno è interessato può lasciare un commento a questo post.
ciao Marco,
vorrei sfruttare il tuo blog che vedo abbastanza letto (più del mio sicuro) per lanciare annuncio che credo che col consumare meno abbia sicuramente a che fare.
Non lavoro da un paio di mesi ormai e oltretutto il mio coinquilino mi ha annunciato che lascia la stanza da lui occupata per cui devo oltre a cercare lavoretto anche casa; infatti vorrei lasciare il mio appartamento perchè pago comunque tanto (250 a testa) devo trovare una soluzione che mi consenta di poter andar via al meridione quando mi conviene e senza preavvisi semestrali (come nel mio caso contrattuale) cerco quindi un posto letto ovunque anche sotto i ponti purchè connesso ad internet, infatti la mia prerogativa è continuare a lavorare alla attività di vendita online delle mie bici elettriche e anzi devo sviluppare un discorso in zona con i comuni di bike sharing elettrico per cui per me questo periodo è molto importante, se mi dovesse andare in porto anche solo un progetto con un comune allora potrei anche decidere di tornare in Puglia e fare la spola...ma fino ad allora ritengo che la mia presenza in lombardia, date le mie conoscenze maturate in questi anni, è molto importante.
Sono un ottimo condivisore di case, chi mi conosce sa che sono persona puntuale, precisa, solare, pulita (chi si loda...).
Lancio quindi un SOS alla rete, cerco un posto letto internettizzato o internettizzabile che sia very cheap, molto economico, tipo un gettone presenza (100euri??), questo mi consentirebbe di sopravvivere e rimanere qui almeno fino a fine anno..periodo che riterrò cruciale in quanto segnerà il passaggio probabile al ritorno a casa. SOS amici, SOS casa, SOS stanza, SOS garage (mi va bene anche quello! :))
i miei soliti Saluti solari
Adriano Lapedota

12 commenti:

lella ha detto...

x Adriano:letto messaggio;x il momento in zona nn sono a conoscenza di possibilità di questo tipo,ma se sento dire qualcosa ti faccio sapere
Lella

lella ha detto...

Marcooooooooooooo
indovina?Ho appena ricevuto un'email di play energy con la quale mi comunica ke la mia classe ha vinto il concorso con il massimo del punteggio ti lascio il link http://playenergy.enel.com/quiz/classifica_l
vedrai il mio nome x intero ,Graziella, ed il paese ke penso ricordi.
Massimo punteggio,ti rendi conto?
Devo ringraziare te x la collaborazione ed i tuoi fedeli lettori ke si sono prodigati a darci dei suggerimenti.
Grazie di cuore,ma soprattutto grazie ai miei genietti che sono sempre pronti a mettersi in gioco insieme a me:-)
un abbraccio
Lella

LaGolosastra ha detto...

Condivido il tuo post su fb, non si sa mai che qualche contatto in zona lo legga.

Per il cohousing... vi avanza un giaciglio nel pollaio? Sai che felicità la masotta e la gallina che spignattano insieme, stendono i panni e chiacchierano... chiacchierano... chiaaaaachieranoooo.
HO capito, non c'è posto. Vabbé.


@ LELLA - COMPLIMENTISSIMI DI CUOREEEE!

Caty ha detto...

spero davvero possa trovare un inquilino " solidale" che lo ospiti .speriamo nelle persone .complimenti sempre per il tuo blog!

Marco *Consumo Meno* ha detto...

Lellaaa complimentissimi!!!! Che brava e che bravi che siete stati!! Ma alla fine che progetto avete presentato???

Grazie Golosastra per l'aiuto! Ti preparo un posto nel pollaio allora!

Grazie Caty.. e speriamo che qualcuno possa aiutare Adriano.

lella ha detto...

Caro Marco i miei cuccioli hanno inventato una storia,illustrata da disegni e ambientata nel paese in cui vivono.Giunto ormai al degrado + assoluto, un gruppo di bambini si rivolge ad un Eu-genio della lampada (ovviamente a basso consumo).Questo genio ha dato loro ottimi consigli su come rinnovare il loro paese all'insegna del risparmio energetico e x la salvaguardia della loro salute.
Questo è il sunto ma hanno trovato un sacco di idee curiosando nel tuo sito e negli altri ke mi avevate suggerito.Ognugno di loro ha fatto anke delle ricerke su internet x cercare curiosità nel mondo e li hanno poi trasferiti nel racconto e nei disegni.
Troppo forti!!!!!!!!
E cmq a parte il racconto il concorso consisteva anke in una prova a quiz on line sull'energia ed hanno azzeccato tutte le risposte.
Ke geni ke ho creato :-))))))
grazie ancora per la collaborazione
Lella

Luca and Sabrina ha detto...

Possiamo sentire con degli amici milanesi per Adriano. Per quanto riguarda il co-housing, questa è una realtà molto interessante, un amico qualche settimana fa ci ha inviato delle informazioni, video, testimonianze al riguardo, se vuoi possiamo fartele avere. E' un discorso che si lega bene a quella che è la scuola di pensiero di Steiner.
Un caro abbraccio da Sabrina&Luca

Adriano Lapedota ha detto...

grazie a tutti per le risposte e gli inboccateailupi.
saluti solari
Adri

Marco *Consumo Meno* ha detto...

Urco Lella! Bellissimo! Son proprio contento! Bello anche che son riusciti a trovare cose utili qui e che i consigli dati nello scorso post son serviti :-D

Grazie Luca e Sabrina per il passaparola e leggerò molto volentieri le info che mi passerete.

Ciao Adriano: a ri-imbocca al lupo.

SiLviA ha detto...

Bella questa iniziativa dei condomini solidali, sembra un po' un ritorno al passato, a quando in campagna le famiglie vivevano tutte insieme nei casolari condividendo tutto, anche l'educazione dei figli...
Meno poetico, ma credo utile, sia quello che si fa in Svizzera. Qui ogni condominio ha la lavatrice condominiale e nessuno ce l'ha a casa. In questo modo si dividono le spese e si evita di avere palazzi in cui il numero di elettrodomestici è maggiore di quello di inquilini. In fondo per l'utilizzo che ne si fa perché mai si dovrebbe avere ognuno la propria lavatrice? In alcuni posti ci sono i turni (che non sempre sono comodi), ma da me ci si organizza fra noi e ognuno fa la lavatrice quando la trova libera. Poi così si limita anche il numero di rifiuti ingombranti (ci sono meno lavatrici e quando la si deve cambiare se ne cambia una invece di 15). Credo sia proprio un'idea intelligente!

Marco *Consumo Meno* ha detto...

Molto intelligente come idea Silvia. Grazie per averci raccontato della tua esperienza elvetica!

Maria ha detto...

@Silvia_ Posso assicurarti che per quest'esperienza della lavatrice condominiale, è assurda e insopportabile, soprattutto se ti ritrovi dei vicini sporchi e maleducati e aggiungici poi che se si rompe tocca aspettare anche più di un mese!!! sarà che ero abituata a casa mia in Italia, con la mia lavatrice... ma io nn riesco assolutamente ad abituarmi/accettare questo metodo di condivisione di elettrodomestici!!