lunedì 9 febbraio 2009

Coibentazione del tetto e collegamento acqua calda lavatrice e lavastoviglie

Mi ricorderò sempre una metafora usata da Maurizio Pallante ad una presentazione del suo libro La Decrescita Felice ascoltato tra pochi intimi in un villaggio naturista piemontese. Il senso era questo: "in un secchio d'acqua bucato sul fondo è inutile continuare a versare acqua a catinelle per riempirlo. Prima si devono chiudere i buchi e poi posso continuare a riempirlo fino all'orlo con un semplice bicchierino."
Questo esempio serviva a lui per spiegare che l'urgenza era quella di impedire eccessi di consumi e degli sprechi. Invece di pensare a chiudere i buchi del secchio, secondo Pallante, gli esperti concentrano la loro attenzione e litigano sulle fonti più adatte a riempirlo.
In poche parole per Pallante il fotovoltaico viene dopo. Dopo aver permesso, per esempio, alla nostra casa di aver chiuso tutti i buchi. E tutti i torti non ce l'ha.
Fortunatamente anche la politica d'incentivazione (tra alti e bassi) ha seguito questa logica e dopo il fotovoltaico e il solare è possibile usufruire delle detrazioni del 55% anche per opere di isolamento.
Il tetto è un elemento che potenzialmente può disperdere molto calore. Isolarlo è un'operazione semplice e accompagnato da un'adeguata regolazione dell'impianto di riscaldamento conduce a risparmi energetici ed economici ancora maggiori.
Per usufruire degli incentivi è necessario utilizzare spessori adeguati (mi hanno calcolato tale coefficiente "U" ...brrr... ero fermo al "delta di formazione" del mio amico Matteo ma questa è un'altra storia) oltre all'ennesima elaborazione dell'attestato di certificazione energetica (vabbè, serve, è vero... ma quando si tratta di pagare son sempre un pò incazzoso).
Ho trovato molti consigli anche su questo forum: www.promiseland.it
Il preventivo che mi hanno proposto è per fornitura e posa di pannelli isolanti in fibra di legno, spessore 12 cm (6+4+2) con guaina freno vapore a contatto con la soletta e guaina impermeabile e traspirante sul lato superiore compresa sigillatura dei giunti con nastro. In alternativa c'era la possibilità di un preventivo più economico con polistirene espanso. Ovviamente opteremo per fornitura "bio" in fibra di legno.
Ci affideremo sempre ad una cooperativa sociale di Varese che per l'esecuzione del lavoro utilizzerà personale specializzato a cui sono affiancati ragazzi provenienti da condizioni di disagio/svantaggio i quali, attraverso programmi di inserimento lavorativo come questo, (ri)trovano un ruolo attivo nell’ambito lavorativo e sociale.
Sempre in questi giorni ho ricordato al nostro idraulico i lavori per allacciare lavatrice e lavastoviglie
(anche se quest'ultima sono mesi che la stiamo usando pochissimo) all'impianto d'acqua calda proveniente dal pannello solare termico. Vi tengo aggiornati sui lavori.


14 commenti:

astrofiammante ha detto...

sono brava...me lo dico da sola, abbiamo già fatto ;-))

Marco ha detto...

... e te lo dico pure io: bravissimaaaaa!!

mrm ha detto...

in attesa dell'idraulico: io riempio un secchio di acqua calda e lo verso nel cassetto del detersivo, ci metto un attimo e ormai con la pratica non cade più neanche una goccia.
(posso chiederti quant'è il preventivo?)

Marco ha detto...

caro/cara mrm benvenuto/a! capisterina: hai proprio risolto il problema alla fonte, meglio ancora! (anche se non ho ben capito come fai).
Preventivo per la trasformazione del rubinetto della zona "lavanderia" per collegarlo alla lavatrice non ce l'ho (è amico di famiglia) ma è un lavoro di poco. Cosa diversa se intendi preventivo per i pannelli per il tetto. Sul preventivo incidono tante variabili (per esempio se si necessita di ponteggi o meno, difficoltà accesso area, qualità meteriali bio con certificazioni, ...). Da quanto ho capito i pannelli in fibra di legno per lo spessore richiesto vanno dai 33 euro al mq in su (solo materiale + iva).

Marco ha detto...

mrm, ... ecco pressapoco quello che farò:
http://www.portalsole.it/sezione.php?d=55

mrm ha detto...

faccio che ci ho il lavandino di fianco, quello per lavare i panni (ebbene sì, ho un comodissino locale lavanderia e me ne frego se bagno per terra), apro il rubinetto dell'acqua calda, riempio un secchio e poi lo verso direttamente nella vaschetta della lavatrice, dove si mette il detersivo. finito.
all'inizio riempivo due secchi, col risultato che avevo delle lenzuola con gli angoli DA ANNI e mi si sono ristrette!! (e con gli angoli come fai?), solo dopo ho avuto il buon gusto di usare il termometro e scoprire che da quel rubinetto esce acqua a 80 gradi.
quindi per rientrare dalla spesa delle lenzuola che non servono più...quanti anni di risparmio di corrente ci vorranno? :-S (però non inquino, almeno)
per il preventivo intendevo l'isolamento del tetto e sul momento sono rimasta basita quando ho letto ponteggi. ponteggi?? poi ho pensato che, già, tu hai una casa "normale" e bisognerà passare dal tetto, io invece FORSE mi compro una casa con le solette di legno e penso che l'isolamento me lo posso mettere da me passando da dentro.
quindi insomma costa sui 35 euri al metro quadro, grazie, poi mi leggo il link.
poi immagino che più isoli e più devi pensare alla ventilazione, per evitare condense...giusto?
cambiando discorso (sono disordinata) quante ore di sole avete? (per i pannelli solari)

Marco ha detto...

... le ore di sole che ci da il Signore! :-D
sì, certo, se fai tutto da sola ancora meglio!

gturs ha detto...

Grande Marco, sempre notizie utili....l'anno scorso abbiamo coimbentato la camera da letto che sopra ha la terrazza, fantastico, in un attimo è calda!!!
Mi piacerebbe fare il resto della casa....un pezzo alla volta la faremo.....
Ciao a presto.

Marco ha detto...

oh bene robyyy!! anche noi speriamo che trattenga di più il calore.... anche noi avremo da fare anche altre stanze... un pezzo alla volta...

Elle ha detto...

Ciao, Marco. Una domanda.... ma chi abita in appartamento, anche se in una casa piccola ( nel senso che siamo in sole tre famiglie, due al primo piano e noi al secondo, che è anche l' ultimo) può fare questo tipo di lavori, anche se andrebbe a toccare parte del lastrico solare non proprio? ( ovviamente premesso che le altre 2 famiglie non sono interessate alla cosa? )

Marco ha detto...

Ciao Elle! Se c'è l'accordo di tutti penso proprio di sì. Questi lavori vengono fatti anche dai condomini (anche i pannelli solari). Certo le cose sono più delicate e un pò più complicate. Guarda se questo link si avvicina alla vostra situazione:
http://pannellisolari.energia360.org/articoli/condominio.html

Ciao!

Elle ha detto...

grazie!

Mary ha detto...

Noi per coibentare il sottotetto abbiamo messo un doppio strato di pannelli di fibra di canapa e una guaina idrorepellente. Ci siamo rivolti alla cooperativa Artimestieri di Boves che si occupa di bioedilizia e bioarredamento.
La posa è stata semplice e ce ne siamo occupati noi...

Marco ha detto...

figurati Elle!

Ciao Mary! Grazie per averci raccontato la tua esperienza!
Sei riuscita ad ottenere anche le detrazioni del 55%?