sabato 10 gennaio 2009

Il metano ti da una mano e fa bene all'amore.


Lo so, lo so, lo so. Il miglior modo per muoversi senza inquinare e spendendo poco o niente è andare a piedi o in bici. Fatto sta che sia per motivi di lavoro che di un minimo di vita sociale l'automobile risulta veramente comoda. Come tentare allora di abbassare l'impatto sull'ambiente delle mie quattroruote? E' questo l'amletico dubbio che ci ha attanagliato la scorsa primavera. Meglio una macchina a basse emissioni di Co2 o quella che consuma meno benzina? Meglio quella prodotta in aziende con certificazioni ambientali delle più prestigiose o semplicemente la più leggera? Meglio con zero emissioni di particolato o elettrica? Ho valutato e vagliato col fare assolutamente inesperto di normalissimo cittadino diverse proposte e, non volendo spendere cifre astronomiche, alla fine, con la gallinella, abbiamo optato per una macchina ibrida a metano e per utilizzare sempre la bici per i viaggi all'interno del paesello.
Il metano (che non è il GPL che invece è un derivato del petrolio) ha indubbi vantaggi: minori sostanze nocive immesse nell'ambiente e un notevole risparmio economico rispetto alla benzina (si percorre il doppio della strada). L'auto può essere parcheggiata nei parcheggi sotterranei e può essere imbarcata sui traghetti. I distributori vengono riforniti usando metanodotti e pertanto il suo trasporto non incrementa il traffico sulle nostre strade. Si può usufruire di un incentivo di 1.500/2.000 euro a seconda del modello se l'impianto è fornito di serie dalla casa madre del veicolo. Per le trasformazioni d'auto che sono state già state immatricolate si può usufruire di 500 euro. Difetti? La rete distributiva è un po' fiacca e non è semplice rifornirsi come con la benzina (a meno che non si viva in Emilia Romagna); le bombole in molti modelli sono nel bagagliaio.
La maggior parte delle persone che mi hanno fatto osservazioni sulla capienza del baule, però, non lo usano mai. Mi sa che per molti italiani avere il baule grande (e non utilizzarlo.... o saperlo usare male) è un simbolo di virilità. Con semplici accorgimenti il baule diventa molto spazioso (e noi la usiamo per il campeggio stracarica 3/4 volte l'anno).
Insomma, se non avete particolari esigenze di ostentazioni falliche perché la natura è già stata propizia con voi (o col vostro partner) e se vi va di programmare un po' di più i vostri viaggi per capire dove fare il pieno, il metano è il vostro carburante! Con 18 euro noi facciamo circa 330 km (Panda e Punto a metano consumano ancora meno). Ma qui vi lascio alla più grande comunità italiana del metano per auto che ne sanno un sacco e una sporta. Io mi limito a propormi come semplice e felice donatore nel caso in cui dovessero tagliare le forniture del metano russo. Sarebbe un modo fantastico per aiutare la natura e il nostro governo.












(P.S.: Volevo ringraziare per la promozione del Blog la super gallina Lo, Cristina per l'inaspettato premio e tutti i lettori e commentatori che per primi si sono avventurati tra queste pagine. Siete degli eroi!!!!!!!!!!!!!!! Siete degli highlander!! nessuno è come voi!!)



7 commenti:

Lo ha detto...

mi sento un eroeeeeeeeeee, sono un eroeeeeeeeeeeeee...che eroeeeeeeeeee soprattutto se metti in atto quel progetto molto ecologico e alternativo....sarò ancora di più un'eroinaaaaaaaaaaaaaaa
p.s.propongo per convincere i tuoi lettori della capienza del nostro baule di partire immediatamente per una vacanza da urlo...ok?

Anice ha detto...

highlander???!!!
E' un piacere leggere post di questo tipo credimi!
Ci farò un pensierino quando si tratterà di pensare a una nuova auto...quella attuale non è ecologica, fortunatamente possiamo permetterci di usarla poco.
Consiglio poi vivamente una vacanza verso luoghi caldi, il baule va testato bene no???

C- Marco ha detto...

eh sìì Anice siamo degli IMMORTALI!!! su su, un pò di autoesaltazione!! :-D Quando lavoravo per il profit avevo assistito proprio ad un momento come quello nel filmato. Mi ha talmente motivato che 1 mese dopo ho cambiato lavoro.

Mi hai convinto Lo. Testiamo meglio il baule. Le gomme. Il portatutto. E facciamo un tuffo nella giovinezza e proviamo pure i recrinabili.

Beh, Anice, l'usarla poco è la cosa più ecologica che c'è. Meglio di così!

gturs ha detto...

Anche qui in Liguria siamo messi male con i distributori di metano....soprattutto a nella bella riviera dei fiori, io comunque posseggo un'auto a gpl e risparmio la metà con un pieno...mi sembra già qualcosa!
Ciao Marco e buona serata.

Simo ha detto...

Grazie Marco, mi sento anch'io una grandeeeeee!!!!!!!
Scherzi a parte, venire a trovarti mi ha fatto piacerissimo! E continuerò a farlo!

C- Marco ha detto...

è vero Gturs e conosciamo bene il mitico distributore di Albisola che è l'ultimo prima della Francia.

Grazie Simoooooooooo!!!super Highlander!!!!!!

wafeperu ha detto...

Gosh, I’ve been looking about this specific topic for about an hour, glad i found it in your website!

cialis